Il Bianco Rosso - Home Page
» Aggiungi ai Preferiti
» Imposta come Home Page
» Collabora con noi

CERCA
news del 21.12.2018

La CMC (che non vive momenti felici) accetterà la proposta di Minervini?



Minervini: “Verso la messa in sicurezza”

 

Buona lettura! A pochi giorni dal Natale, sotto l'albero, abbiamo trovato due tomi niente male. Un paio e più di chili di carta rilegati. Si descrivono i "guai" del nostro porto commerciale. Documenti e delibere. Per non dimenticare! L'opera realizzata al 40% è ormai in rovina, abbandonata. Si sta cercando di salvare il salvabile per completare tutta la struttura. I denari ci sono, manca solo un pò di.... burocrazia. In attesa anche delle sentenze del Tribunale

Dopo l’ok del Consiglio Superiore dei lavori pubblici, il via libera del Ministero dell’Ambiente, è arrivata la delibera dell’Anac che indica come andare avanti. 

La giunta municipale da alcune ore, ha dato mandato al sindaco, Tommaso Minervini, di ottemperare ai suggerimenti dell’Autorità nazionale anti corruzione per procedere con i lavori di messa in sicurezza di una tra le più importanti opere pubbliche d’Italia  e valutare la possibilità di ultimare i lavori del porto.

«È il tempo del coraggio delle scelte – sottolinea Minervini, presentandosi di fronte ai giornalisti con la documentazione dettagliata di oltre 1.300 pagine, parte dell’intenso carteggio tra il Comune di Molfetta e l’Ente anticorruzione raccolto in un anno e mezzo –. Se un sindaco non ha il coraggio di assumersi responsabilità importanti, lascia la fascia». I lavori del porto commerciale sono fermi da ottobre del 2013. Questo fermo ha comportato, come suindicato, danni notevoli.

“Per l’ultimazione del porto – parole del sindaco Minervini – in questi mesi abbiamo già ottenuto l’ok del Consiglio superiore dei lavori pubblici e abbiamo garantito le coperture economiche con una delibera di giunta che va ad accantonare le somme necessarie alla conclusione dei lavori. Adesso, dopo il parere dell’Anac, approfondirò i vari scenari che abbiamo di fronte e con un atto di indirizzo mi assumerò una responsabilità anche personale. La via che seguiremo è dimostrare l’evidente interesse pubblico. Occorre pertanto verificare con l’impresa (CMC) se ci sono degli elementi per continuare i lavori a determinate condizioni, azzerando innanzitutto il contenzioso in essere”.

 


 

 



:: Canali
Cronaca
Politica
Cultura
Sport

:: Scegli
HOME PAGE
INDIETRO
STAMPA

:: Speciale Molfetta
Dove siamo
Feste e tradizioni
La fiera dell'8 settembre
Chiese
La Basilica Madonna dei Martiri
Il Pulo
Manifestazioni Pro Loco
Uomini illustri
Ricette
Monumenti

Aranea Internet Marketing
REDAZIONE    |    SCRIVICI    |    PUBBLICITÀ    |   PRIVACY |    COLLABORA CON NOI

© 2006 Il Biancorosso - Tutti i diritti sono riservati.